cover1 le emozioni sono la reazione PENSIERI RESPIRI EMOZIONI: UN TRINOMIO INSCINDIBILE!PENSIERI-RESPIRI-EMOZIONI: UN TRINOMIO INSCINDIBILE!

Pensieri-respiri-emozioni: un trinomio inscindibile!

“Noi siamo ciò che pensiamo. Tutto quello che siamo sorge dai nostri pensieri. I nostri pensieri costruiscono il mondo”. (Buddha)

Il respiro non serve soltanto per la respirazione cellulare, cioè a trasformare i nutrienti in calore, ma fa anche da tramite tra i pensieri e le emozioni, e cioè tra la mente e il corpo.

A monte dei respiri ci sono i pensieri.

Ciò significa che per modificare il respiro si devono cambiare consapevolmente i propri pensieri. I respiri non possono cambiare da soli: occorre farlo con attenzione consapevole!

A valle dei respiri ci sono le emozioni.

Il che significa che cambiando i respiri consapevolmente cambiano anche le emozioni.

PENSIERI-RESPIRI-EMOZIONI

“Il pensiero è la prima forma di azione, perché è pensando che gettiamo le basi di quello che sarà il nostro impatto sul mondo“. (Thich Nhat Hanh)

Le emozioni servono a collegare la mente al corpo, tramite il cuore, per indurlo all’azione. Senza emozioni il corpo obbedisce soltanto ai propri impulsi.

E siccome le emozioni sono strettamente collegate al tipo di respiro, che a sua volta può essere modificato soltanto cambiando i pensieri consapevolmente, si comprende che le emozioni dipendono dai nostri pensieri!

Come aveva ben compreso il Buddha, “noi siamo ciò che pensiamo”.

Ecco perché se pensi a cose brutte, tristi o paurose, ti senti subito male; e se invece pensi a cose belle, allegre o rassicuranti, ti senti subito bene.

Il pensiero ha già in sé il neurotrasmettitore e/o l’ormone specifico del respiro e dell’emozione corrispondente. Proprio come il seme che ha al suo interno l’embrione che rappresenta l’abbozzo della pianta in miniatura.

Ne consegue che per dominare le proprie emozioni negative (ma anche quelle positive) c’è un solo modo possibile e valido: cambiare i propri pensieri!