STRATEGIE DI MOTIVAZIONE

innamoratadisestessa 200x300 STRATEGIE DI MOTIVAZIONE

Strategie di motivazione

Nella vita devi sempre faticare, o prima o dopo…

Quattro strategie  di motivazione.

“Quando una persona sta facendo un cammino psicologico che veda dei risultati… dove trovare la molla che ti fa scattare, essere forte e senza paura di nulla… Mi capita spesso di essere forte nelle situazioni difficili e un po’ pappa molla nel quotidiano vivere… Dove posso trovare una molla, quel tot in più per essere sempre motivato e vivere bene?” . (Da un commento a un mio articolo sul Network Piuchepuoi.it).

Dove trovare la molla che ti tira su, che ti fa stare bene con te stesso, che ti fa sentire forte, sicuro, capace e motivato?

La motivazione è l’energia che ci spinge ad agire, a portare a termine i propri obiettivi. Essa nasce soltanto se hai un problema e capisci che se non ti dai da fare starai peggio.

Strategie di motivazione

Se non percepisci alcun tipo di problema tra quello che sei adesso e quello che vorresti essere, non nasce la motivazione.

Quindi sei motivato soltanto se vuoi cambiare, se vuoi migliorare, se sei insoddisfatto di come sei, di quel che sei. Quando sei insoddisfatto è molto pericoloso. Le varie forme di dipendenza (cibi ricchi di zucchero, droghe, l’alcool, gioco d’azzardo, ecc.) sono generate dall’insoddisfazione e dal bisogno inconscio di compensazione! Quando non resisti ai dolci ( o a cose ancora peggiori…) è perché devi compensare la tua insoddisfazione: il tuo corpo ha bisogno di dopamina per stare bene, almeno per un po’…

Ci sono almeno quattro strategie efficaci per essere motivati.

La prima strategia consiste nell’essere innamorati di se stessi! Come ho scritto nell’articolo al quale rimando, soltanto chi sa amarsi ha un atteggiamento di gratitudine verso la vita e verso se stesso che gli spiana tutte le strade.

A chi non sa amarsi manca tutto!

Strategie di motivazione

Il segreto per imparare ad amarsi è iniziare a coccolarsi e a premiarsi da soli, a cominciare dalle piccole cose, senza aspettare che ci sia qualcuno a farlo!

Quando ti va bene qualcosa devi festeggiare in qualche modo per ringraziare il tuo inconscio e la tua mente conscia, far sapere loro che sei grato, che sei contento, che sei soddisfatto dei risultati che hai ottenuto.

cenetta con gli amici di san vito 300x281 STRATEGIE DI MOTIVAZIONESe non ti abitui a premiarti da solo anche per le piccole cose, succede che quando sarai sulla cresta dell’onda non ti sentirai per niente soddisfatto. E avrai la convinzione errata che per essere felice devi ottenere ancora di più… sempre di più.

E le cose si mettono male. 

In realtà, ciò che ci manca spesso è proprio il senso di gratitudine verso la vita. Gratitudine per quello che già abbiamo, per quello che siamo diventati, per ciò che abbiamo conquistato e soprattutto per la persona capace, forte e sicura che siamo diventati.

Dunque, si deve imparare a dire grazie a tutti e a tutto, anche a sé stessi nello specchio, senza tralasciare neanche l’aria che respiriamo e l’acqua che beviamo. 

La gratitudine ti spiana tutte le strade e ti fa sentire innamorato di te stesso e responsabile della tua vita, quindi sempre contento, entusiasta e motivato.

Strategie di motivazione

Il secondo modo per essere motivato è una variante del primo e consiste nel farsi un elenco di tutte le cose che già  hai e che hai saputo realizzare fino ad oggi, tutte le cose di cui puoi essere orgoglioso, siano esse materiali, morali o spirituali. Quando ti senti giù, ti basta leggere questo elenco per tirarti su. Quindi custodiscilo gelosamente nel portafoglio!

Più è lungo l’elenco delle cose di cui sei grato, meglio è. In questo elenco puoi inserire di tutto, per esempio le persone che ami e che ti amano, la tua casa, il portiere, l’ascensore, la bicicletta, il cagnolino, il portachiavi e anche la tua collezione di francobolli o di farfalle…

Il terzo modo per motivarsi forse è ancora più potente dei due precedenti: occorre essere coscienti del fatto che nella vita è obbligatorio impegnarsi e faticare.

Se non lo fai prima, volontariamente, sarai costretto a farlo dopo obbligatoriamente.

Per esempio, puoi imparare a mangiare moderatamente, abituarti a fare ogni giorno attività fisica o allenamento, studiare, leggere e lavorare. 

Strategie di motivazione

Se lo fai dopo è perché devi farlo per forza…

Per esempio, per scendere di peso, spesso senza riuscirci o per sbarcare il lunario.

Infatti, avendo scansato la fatica e l’impegno, non sei stato in grado di farti strada e devi lavorare duro per riuscire a pagare le bollette, la rata del mutuo, l’affitto di casa, mettere la benzina nella macchina.

E vivi con la paura di essere licenziato se fai ritardo, oppure se fai il lavativo perché il lavoro manuale è una cosa che sanno fare tutti.

bollette 300x200 STRATEGIE DI MOTIVAZIONEIl principio del “sacrificio obbligato” lo puoi applicare a tutte e tre le aree della vita: famiglia e relazioni, lavoro e carriera, salute fisica e mentale.

Per esempio, se non curi il rapporto con tua moglie fin dall’inizio, imparando ad essere comprensivo, tollerante e gentile, rischi di restare solo come un cane e andare ad elemosinare un po’ di intimità in una famiglia allargata…

Strategie di motivazione

È evidente che dovendo comunque faticare, o prima o dopo, tanto vale farlo prima, volontariamente e in maniera proficua e selettiva.

Quindi, quando non hai voglia di alzarti la mattina per recarti al lavoro, oppure andare a fare allenamento, ricordati che di questo passo verrà il giorno che dovrai farlo per forza, col rischio di doverti alzare alle prime luci dell’alba per non far mancare il pane ai tuoi figli!

Sappi anche che per riuscire in qualunque campo della vita devi leggere molti libri e studiare. Anche per trovare la fidanzata devi sapere come conquistarla. Anche per riparare un rubinetto o la persiana devi sapere come si fa, per non chiamare ogni volta l’esperto e sborsare quattrini.

Devi studiare anche per imparare una lingua straniera e saper far funzionare il nuovo elettrodomestico che hai acquistato o qualunque strumento tecnologico.

Dunque, se ti abitui da subito a leggere molto, poi ti piacerà tantissimo farlo, altrimenti resterai un ignorantone e ti troverai malissimo nella vita.

Le difficoltà della motivazione stanno solo all’inizio perché si deve vincere l’inerzia.

Quindi bisogna fare un passo alla volta, darsi obiettivi non troppo impegnativi da raggiungere, altrimenti ci si scoraggia e si finisce nell’insoddisfazione. All’inizio bisogna andare piano, con progressione, come si fa nell’allenamento.

Devi ispirarti e/o allearti con qualcuno che ci è riuscito o che fa la stessa cosa che stai facendo tu. Devi badare all’inizio più ai rituali a cui abituarti -per esempio alzarti presto- che ai risultati da raggiungere, e premiarti per ogni piccolo progresso. E man mano che fai dei progressi e passa il tempo, ti abitui a fare le cose senza sforzo e con gioia.

Strategie di motivazione

Infine, se vuoi essere sempre motivato – questo è il quarto modo, sicuramente il più importante di tutti – devi avere ben chiaro il tuo scopo di vita. In questo modo conosci sempre la direzione giusta verso cui muoverti.

Devi sapere dove vuoi arrivare, cosa vuoi fare nella vita, quali obiettivi vuoi raggiungere e persino come deve essere la tua compagna di vita…

Infatti, spesso ci si unisce a un partner soltanto per passione o infatuazione, e dopo due anni o anche prima, attenuandosi o scomparendo del tutto l’attrazione fisica, ci si accorge di avere interessi e valori diversi e non conciliabili tra loro…

E così il progetto familiare crolla per mancanza di attaccamento, di comprensione, di tolleranza, di rispetto e d’amore. E i primi a farne le spese sono i bambini!


Leggi anche questi Articoli: