Pasquale Foglia Life Coach & Scrittore Motivazionale

DAL MALE NASCE IL BENE E VICEVERSA (2^ parte)

DAL MALE NASCE IL BENE E VICEVERSA (2^ parte)


Ultimo aggiornamento 23/11/2016

Dal male nasce il bene e viceversa (2^parte)

Se non c’è resistenza non nasce l’amore

La noia è peggiore della paura, del dolore e della morte

4. Ogni cosa ha sempre vantaggi e svantaggi

Nel medio-lungo periodo dal male nasce il bene e dal bene nasce il male. Persino un’invenzione ha la sua faccia nascosta e insidiosa. Ogni cosa inventata per risolvere un problema, ne crea altri, a volte anche peggiori. Senza ricorrere a cose fin troppo scontate come la polvere da sparo, la dinamite e l’energia atomica, pensiamo a cose ordinarie e utilissime come le automobili, che però causano ogni giorno incidenti mortali, pensiamo ai disastri aerei e agli stessi treni che dovrebbero garantire una maggiore sicurezza ed iphone6 DAL MALE NASCE IL BENE E VICEVERSA (2^ parte)invece ogni tanto capita qualche tragedia.

Il telefono e il cellulare ci consentono di comunicare immediatamente ed in qualunque momento, ma sono anche il mezzo più facile col quale possiamo essere intercettati. E tutti possiamo constatare che oggi tante giovani mamme e papà passano più tempo a chattare col telefonino che a giocare con i propri bambini…

Siamo protetti contro i malviventi da cinque corpi di polizia e dall’esercito, ma abbiamo bisogno anche di guardie giurate e di sistemi di allarme sofisticati; e per salvaguardare le nostre case siamo costretti a installare telecamere a circuito chiuso e a stipulare costose polizze antifurto!

(altro…)

DAL MALE NASCE IL BENE E VICEVERSA (1^ parte)

DAL MALE NASCE IL BENE E VICEVERSA (1^ parte)

Ultima revisione dell’articolo 20/11/2016

Dal male nasce il bene e viceversa (1^ parte)

Nel medio-lungo periodo, dal male nasce il bene e dal bene nasce il male.

Avere ragione è una pretesa distruttiva…

“Ciò che tormenta gli uomini, non è la realtà, ma l’idea che essi se ne fanno”. (Epitteto)

Premessa

Intendo dimostrare che nel medio-lungo periodo dal male nasce il bene e dal bene nasce il male. Non ci credi? Leggendo questo lungo articolo (in cinque parti) cambierai idea!

Intanto ti dico che non vale la pena affliggersi per nessun motivo. A riflettere bene, è da stupidi soffrire e lamentarsi, anche perché con i lamenti la situazione peggiora anziché migliorare.

Non bisogna disperare neanche di fronte a difficoltà insormontabili!

Non bisogna mai perdere la speranza e la pazienza perché ogni problema ha la sua soluzione e ogni meta può essere raggiunta; e tuttavia senza sudore, impegno costante e fiducia nei propri mezzi, non si raggiunge alcun traguardo!

Ricordati che non esistono risultati immediati. Persino una pianta ci mette otto anni per entrare in produzione.

Dal male nasce il bene e viceversa

  1. La sofferenza è causata dai desideri insoddisfatti

Tutti crediamo che nel momento in cui riusciremo ad ottenere quella data cosa saremo finalmente felici e contenti, ed invece non appena raggiungiamo l’obiettivo agognato diventiamo succubi di altri desideri.

(altro…)

Mamma abbracciami!

Mamma abbracciami!

Mamma abbracciami!

Ti manca sempre qualcosa? Non ti senti amato abbastanza!

Tuo figlio è furioso perché è assetato d’affetto.

Tuo figlio è iperattivo perché gli manca l’affetto.

 

Tuo figlio è depresso perché ha bisogno d’affetto.

Tuo figlio non studia perché gli serve il tuo affetto.

Tuo figlio ha paura perché gli manca l’affetto.

Tuo figlio è ansioso perché ha bisogno d’affetto.

(altro…)

Hai fatto fiasco? Che bellezza…

Hai fatto fiasco? Che bellezza…

Hai fatto fiasco? Che bellezza…

Non dare troppa importanza alla cosa!

Aggiusta i tuoi pensieri e tutto diventerà splendido!

Solo se ci credi tutto si avvera.

I miracoli accadono a queste condizioni: accetta ogni cosa, accetta qualunque realtà! E non solo devi accettare la realtà così com’è, ma la devi anche glorificare, ossia devi considerare positivo e utile qualunque risultato, anche i dispiaceri e le contrarietà… e persino le critiche e i fallimenti.

Il bene arriva attraverso il male: la sfortuna è la tua fortuna. Non esistono risultati negativi, ma solo esperienza e lezioni di vita.

Tutto procede per il verso giusto: è il mondo stesso che procede a zig-zag. Gli alti e bassi non risparmiano nessuno. Perché dovrebbero risparmiare soltanto te?

Hai fatto fiasco? Che bellezza…

La realtà è neutra. Se a te non fa piacere quando piove, il contadino fa salti di gioia. Se gli automobilisti restano bloccati nella neve, gli sciatori sono immensamente felici. Quindi ogni giudizio sulla realtà è sempre relativo e soggettivo.

Purtroppo i nostri giudizi spesso ci portano alla malora. I pensieri stessi possono essere la nostra condanna o la nostra fortuna! Gli eventi sono sempre neutri. E se è vero che spesso non puoi controllare gli eventi, è anche vero che puoi controllare il modo in cui li interpreti.

Per riuscire nella vita, devi andare verso il piacere e non via dal dolore. Per creare la realtà che desideri, devi andare verso il futuro, ma non via dal presente. Se pensi continuamente a ciò che non vuoi, è proprio quello che otterrai. Più ti lamenti e più aumenta la sofferenza.

(altro…)

Le fondamenta della felicità

Le fondamenta della felicità

Le fondamenta della felicità 

La felicità poggia su una sana autostima

Se l’autostima è bassa, ci sentiamo inadeguati e siamo succubi del pessimismo

Non sono le ricchezze a farci felici, né tanto meno il potere, il prestigio e lo stile di vita.

La felicità è uno stato interiore e dipende dal nostro modo di pensare.

Per essere felici si deve essere in pace con sé stessi, cioè non avere pensieri negativi e non giudicare.

I pensieri sono energia dinamica e non sono a sé stanti. Sono prodotti nel cervello, ma si trasformano in emozioni a livello del sistema nervoso autonomo: le emozioni si manifestano soprattutto nella pancia.

La qualità della nostra vita dipende dalla qualità delle nostre emozioni e quindi dalla qualità dei nostri pensieri.

Le emozioni rappresentano il barometro del nostro corpo: ci dicono come ci sentiamo. Esse funzionano come le spie luminose del cruscotto dell’automobile.

L’infelicità è causata dai pensieri negativi che sono legati ai ricordi del passato e alle preoccupazioni per il futuro!

(altro…)

Lotta interiore

Lotta interiore

Lotta interiore

La vita a volte è una lotta interiore e sotterranea.

Il cervello cognitivo e quello emotivo vanno pienamente d’accordo solo quando dormiamo, giochiamo, ci divertiamo e riceviamo attenzioni.

Ciascuno di noi ha dentro di sé una bestia pigra, grossolana, allergica alle indicazioni del buon senso, ostile alla logica; una bestia che vive solo per la materia e che vorrebbe dominare su tutto il nostro essere; una bestia che non esiterebbe a soffocare la nostra anima, se lo potesse o se noi glielo permettessimo.

Ebbene, dobbiamo stare sempre in guardia contro la sua invadenza, contro le sue licenze, contro le sue frenesie, contro il suo potere.

Dobbiamo cercare di mantenerla sempre entro limiti ben definiti, poiché più spazio le concediamo e meno bene ragioniamo, più essa avanza e più la logica retrocede…”. (Filosofo Dario Bernazza in “O si domina o si è dominati”).

Facciamo dunque attenzione alla nostra bestia interiore! Non a caso la maggior parte delle nostre angosce riguarda problemi relazionali.

Non è facile andare d’accordo con gli altri: con il partner, i figli, gli amici, i superiori, i colleghi di lavoro, i conoscenti e gli estranei a causa della bestia interiore che ci condiziona prepotentemente e pretende di averla sempre vinta.

Anzi è difficile persino andare d’accordo con sé stessi!

(altro…)

Critiche all’articolo “Accetta la realtà e sarai felice per sempre”

Critiche all’articolo “Accetta la realtà e sarai felice per sempre”

Critiche all’articolo “Accetta la realtà e sarai felice per sempre”

I pensieri non sono una cosa astratta. Ad ogni pensiero corrisponde una data emozione

Quel coglione dell’inconscio non ti fa accettare la perdita e ti fa innamorare perdutamente

<<Salve,  Pasquale, il suo articolo è molto interessante, accettare la realtà è una soluzione, ma come la mettiamo con l’utente Daniele che dice di essere oggettivamente brutto e a cui lei ha risposto:

“La felicità non dipende dall’essere belli o brutti, o dall’essere ricchi o poveri, e neanche dall’avere o meno successo nella vita. La felicità è un’emozione, e come tutte le emozioni, dipende unicamente dai nostri pensieri.

Critiche all’articolo “Accetta la realtà e sarai felice per sempre”

La felicità consiste nel far prevalere le emozioni positive su quelle negative.” A cui giustamente segue un altro utente che avendone carpito bene il senso del messaggio risponde: “su Wikipedia e un po’ dappertutto c’è scritto che la felicità è la realizzazione dei propri desideri…cioè è legata alle proprie volontà… invece io credo che sia più come dice lei…cioè legata ai pensieri”.

Ok posso comprenderne il senso … posso capire che sia legata al fatto di far prevalere le emozioni positive da quelle negative…ma come si fa? Può spiegarmelo?

Come si fa a dire ad un emozione negativa: quella è la porta per uscire, la stessa da cui sei entrata, oppure afferriamo l’emozione negativa per il braccio e la sbattiamo fuori a malo modo?! …Accettare noi stessi, accettare gli altri e accettare la realtà! (magari quando sei lì su sulla cima della montagna … l’eremita).

Sii ok fino qui tutto vero ma come si fa in realtà? Come fa Daniele ad accettarsi quando lì’ fuori c’è un mondo che pensa solo ed esclusivamente alla “bellezza”, all’esteriorità, alla superficialità! Allora diciamo che il suo messaggio è un aiuto, è un punto di vista, è una specie di credo in cui possiamo nasconderci come del resto lo si fa in tutti i credo! Io sono libero perché dubito, perché posso mettere ogni cosa in discussione come lo sto facendo con questa sua tesi!

Critiche all’articolo “Accetta la realtà e sarai felice per sempre”

Accettare la realtà vuol dire accettare la guerra? La fame nel mondo? La mafia? Accettare le lobby di partito? Accettare tutto ciò che può nuocere, anche? Accettare l’egoismo della specie? Lei lo accetta Darwin? Io lo accetto ma in fine, in fondo credo che l’amore sia più grande delle tesi di Darwin!

(altro…)

Credi in te stesso!

Credi in te stesso!
Già pubblicato da Pasquale Foglia il 24.09.2009 su piuchepuoi.it col seguente titolo: La tua leva più potente: credi in te stesso!

Credi in te stesso e conquisterai il mondo!

Se credi in te stesso niente può fermarti!

Credere in te stesso è la cosa più importante in assoluto!

 

Se credo di poter fare una cosa, avrò sicuramente la capacità di farla, anche se magari non ce l’avevo all’inizio“. (Gandhi)

“Chi dicesse a questo monte: levati e gettati nel mare, senza dubitare in cuor suo ma credendo che avverrà, ciò gli sarà concesso”(Marco, 11, 24)

Credi in te stesso: questa è la cosa più importante in assoluto!

Secondo te, qual è la caratteristica che differenzia le persone di successo da quelle che falliscono, a prescindere dal livello culturale e dal grado d’intelligenza?

(altro…)

Alcuni consigli per stare bene

Alcuni consigli per stare bene

Alcuni consigli per stare bene

Consigli a un’amica che soffre

La vita è per tutti una continua alternanza di gioia e dolore, di alti e bassi

Ciao cara,

Ti comprendo perfettamente e desidero aiutarti. Puoi scrivermi quando vuoi.

La prima cosa che devi sapere è che la vita è una continua alternanza di gioia e dolore, o di alti e bassi, proprio come il bel tempo e il cattivo tempo, il giorno e la notte e l’estate e l’inverno.

Spesso noi soffriamo o siamo profondamente insoddisfatti di noi stessi perché crediamo che gli altri stiano meglio di noi, non conoscendo i loro problemi. In realtà tutti ne hanno.

(altro…)