Controllo dei pensieri negativi e accettazione della realtà

2 PENS NEG Controllo dei pensieri negativi e accettazione della realtàControllo dei pensieri negativi e accettazione della realtà

Accettare la realtà non significa che non devi reagire…

Come recuperare la calma e la lucidità mentale

“Si Pasquale, sarà anche possibile controllare i propri pensieri quando sei sveglio, ma devi essere ben esercitato e forte per reagire all’inconscio…e credo che questo non sia da tutti! Inoltre, penso pure, che i “pensieri negativi” (sogni) che transitano durante il sonno, non solo non sono controllabili se non con opportune terapie, ma sono distruttivi! E su questo , non entro in merito poiché non sono un medico, ma è facile intuire le coazioni di un sonno profondamente “disturbato”.

Il mobbing per es. di cui si parla in altra discussione, si comporta come un tarlo, le difficoltà che in generale noi esseri umani incontriamo spesso in modo imprevedibile, generano meccanismi di feedback mentali che ti portano a deformare la realtà, innescano paure anche ancestrali se vuoi e ti tritano come una salsiccia il cervello!

Come si fa ad accettare la realtà in certe condizioni?! Sarà che la mia è deformazione professionale ove spesso sono portato a ragionare sul concreto e con razionalità, ma trovo davvero semplicistico credere che tutti possano controllare i propri pensieri guidando la mente nelle direzioni più comode!” (Commento su Linkedin)

Controllo dei pensieri negativi e accettazione della realtà

Per controllare i pensieri negativi occorre vivere nel qui e ora, nel presente.

In poche parole, la tua mente inconscia deve essere tenuta occupata nell’attività che stai facendo, altrimenti si sbizzarrisce portandoti su ricordi dolorosi del passato e sulle preoccupazioni che ti stanno assillando.

Soltanto quando stiamo lavorando o giocando, oppure siamo impegnati in qualche attività piacevole, quindi quando siamo presenti a noi stessi, la mente inconscia ci lascia liberi dai pensieri negativi.

Insomma, quando stiamo seduti in poltrona senza far niente, o siamo distesi nel letto, prima di alzarci, la mente irrazionale non ci lascia in pace.

Dovremmo fare sempre “attenzione” a cosa stiamo pensando in ogni momento per non identificarci con i nostri pensieri negativi.

La mente ci porta inesorabilmente alle nostre preoccupazioni, ai problemi insoluti, a tutto ciò che ci rattrista e ci preoccupa.

Il pessimismo causa un’enorme quantità di pensieri negativi: anziché focalizzarsi sulla soluzione del problema, si analizzano le cause che lo hanno generato e in questo modo non si fa altro che perdurare nella negatività e nell’inazione.

Per uscire dai problemi e allontanare i pensieri negativi è necessario essere ottimisti eavere un atteggiamento positivo!

Controllo dei pensieri negativi e accettazione della realtà

“I pessimisti creano davvero il loro destino infausto a causa dei loro pensieri patogeni”. (Roy Martina)

Quanto all’accettazione della realtà che non ci piace, compresi i fatti imprevedibili e sconcertanti che scatenano i pensieri negativi e le paure, è ovvio che in tali situazioni tutti sono confusi, indignati e disorientati non sapendo cosa fare.

Ma dopo le prime ore di sbandamento (o dopo qualche giorno), si deve cercare la soluzione più semplice per uscire al più presto dal pantano.

Questo è possibile soltanto  recuperando la calma e la lucidità mentale.

Soltanto la lucidità mentale e la calma ci consentono di trovare la soluzione del nostro problema.

La lucidità mentale si recupera soltanto accettando la realtà! Accettando la realtà, i pensieri negativi si acquietano e ti liberi delle emozioni negative che ti fanno stare male.

Soltanto se accetti che un noto delinquente, per esempio, abbia gettato di nascosto dell’amianto nel tuo fondo…; soltanto se accetti che esistano farabutti magari a te “noti”, pronti ad approfittarsi di chiunque e anche a colpire a morte, riesci a trovare la soluzione migliore al tuo problema.

Controllo dei pensieri negativi e accettazione della realtà

È ovvio che in simili circostanze vai nella paura perché non sai cosa fare.

L’istinto ti suggerisce di ingaggiare la lotta e denunciare subito il fatto. Ma se accetti il male minore, è meglio non sfidare chi vive a piede libero e non ha nulla da perdere…

Ovviamente è questione di scelte, di prudenza e/o di coraggio… Tutto dipende da se ti fai prendere dall’ansia, oppure resti calmo e lucido. 

L’accettazione della realtà ti porta a comprendere che i delinquenti sono sempre esistiti e si trovano in ogni luogo. Hanno in un certo senso legittimità ad esistere.

Ma è anche vero che conviene averci a che fare il meno possibile.

Insomma, è meglio non aggravare la situazione, se ne puoi fare a meno, e recintare il tuo “fondo” o la tua proprietà in modo che non possa essere un luogo aperto di “scarico rifiuti”.

Controllo dei pensieri negativi e accettazione della realtà

In conclusione, l’accettazione della realtà serve ad essere più flessibili e ad uscire dalla confusione e dall’indignazione che ci porterebbero a lottare sotto l’effetto emotivo contro forze impari e molto pericolose.

Soltanto recuperando la lucidità mentale grazie all’accettazione della realtà, si può agire con avvedutezza e buon senso e liberarsi delle paure.

Dunque, accettare la realtà non significa che non devi darti da fare per cambiare la situazione in cui sei venuto a trovarti.

L’accettazione della realtà è necessaria per recuperare al più presto la razionalità, appunto la lucidità e la flessibilità mentale, onde evitare di “reagire” alla cieca comportandoti come uno sprovveduto che, non valuta bene le conseguenze delle proprie azioni… e si caccia in guai peggiori.

Accettando la realtà le emozioni negative si trasformano in emozioni positive. 


Leggi anche questi Articoli: