Come accettare l’esperienza passata

Come accettare l’esperienza passata

Come accettare l’esperienza passata

Un ricordo cessa di tormentarti solo quando smetti di ritenerlo un male

Accetta la realtà e sarai felice per sempre

“Caro Pasquale, leggo con molto interesse i suoi articoli e mi piacerebbe sottoporle le mie sensazioni. Mi chiamo Rosa, ho 34 anni e vivo in provincia di Rieti. Cinque anni fa ho lasciato la casa dei miei genitori per andare a convivere con il mio fidanzato che in quel periodo lavorava in Piemonte. Inizialmente ero entusiasta e piena di aspettative riguardo questa nuova avventura, ma purtroppo non è andata bene perché non sono riuscita a trovare lavoro, mi sono sentita molto sola perché lui faceva lunghi turni e mi mancava la mia famiglia.

Dopo dieci mesi, durante i quali sono stata spesso male, ho deciso di tornare a casa dei miei genitori. La storia con il mio fidanzato è andata avanti, abbiamo comprato casa insieme e conviviamo da oltre due anni. Ci amiamo, insieme stiamo bene e lui mi ha chiesto di sposarlo.

Tra quattro mesi dovremmo sposarci e man mano che la data si avvicina io sento molta paura e rivivo costantemente le brutte sensazioni che vivevo in quei dieci mesi in Piemonte. Soffro perché penso che il fatto di averlo avuto accanto durante quell’esperienza non sia stato sufficiente a farmi stare bene e ad essere serena. Nonostante le condizioni siano cambiate, io non riesco ad accettare il fallimento di quella esperienza perché avrei voluto rimanere accanto a lui e trovare sicurezza, ma non ne sono stata capace e la paura che mi ha fatto scappare anni fa dal Piemonte minaccia di farmi scappare dal matrimonio oggi.

Come accettare l’esperienza passata

La ringrazio innanzitutto per avermi ascoltata e sarò felice se potrà darmi un consiglio su come accettare l’esperienza passata, cancellare la memoria negativa che mi è rimasta e poter andare avanti nella mia vita insieme a lui”. (Lettera firmata, nome inventato)

(altro…)