Perché la felicità è soltanto nel “qui e ora”?

Perché la felicità è soltanto nel “qui e ora”?

Perché la felicità è soltanto nel “qui e ora”?

Qualunque azione è in grado di interrompere il flusso negativo automatico della mente (inconscia)!

Buongiorno, ho trovato il suo blog davvero benfatto, e mi ha incuriosito molto la sua teoria sul pensiero negativo. Personalmente sto vivendo un periodo “agitato” fatto di ansia, stress e pensieri negativi… tutto è cominciato 6 mesi fa o meglio sarebbe dire tutto è esploso 6 mesi fa perché ho da sempre queste emozioni negative dentro di me…. ho avuto un’infanzia un po’ cosi…. papà alcolista, papà assente, papà marito violento….. negli anni mi sono fatto la mia corazza e appena ho potuto mi sono creato una mia famiglia….

Ora sono 11 anni che sono sposato, ho due bimbe di 9 e 6 anni e vivo felice…. 6 mesi fa però, un fuoriprogramma, fortunatamente fasullo, ci ha fatto andare in tilt… mia moglie ha cominciato ad accusare vari sintomi organici che ci ha fatto pensare alle più disparate malattie….. in realtà si trattava di un blocco emotivo, stress e ansia che somatizzava sul corpo…. nel frattempo però le emozioni vissute, provate erano VERE di VERA malattia…

E cosi ci è nata la PAURA del futuro come se quel che ci è successo ci avesse risvegliato da un lungo letargo che ci ha fatto capire che anche noi possiamo essere colpiti e non siamo al sicuro… da qui mille preoccupazioni di salute per noi e per le figlie…. paura di non poter controllare ciò che non si può…. dover accettare il futuro senza poter farci nulla…. paura di malattie che magari non arriveranno ma che sono li, pensieri negativi che nascono, crescono e fanno male“. (Da un commento sul blog)

(altro…)